Neuroriabilitazione Infantile. Arte e colore incontrano la cura per i pazienti del Centro Infantile del Santa Lucia IRCCS | Fondazione Santa Lucia

Neuroriabilitazione Infantile. Arte e colore incontrano la cura per i pazienti del Centro Infantile del Santa Lucia IRCCS

Presentato oggi il restauro artistico del Centro di Neuroriabilitazione Infantile del Santa Lucia IRCCS di Roma. L’installazione è curata da Silvio Irilli, fondatore del progetto artistico Ospedali Dipinti e autore di numerose opere all’interno degli ospedali italiani.

Ogni anno circa 500 famiglie iniziano al Santa Lucia IRCCS di Roma percorsi di neuroriabilitazione complessi, dedicati a bambini con patologie gravi come paralisi cerebrali infantili, malattie genetiche rare, malattie neuromuscolari ed altre compromissioni neurologiche. Il Centro di Neuroriabilitazione Infantile, in molti casi frequentato con cadenza quotidiana, diventa quindi uno dei centri intorno ai quali la vita delle famiglie si organizza fin dai primi mesi di vita dei bambini, per i quali anche gli ambienti circostanti rivestono un ruolo cruciale.

È quanto ha ispirato Silvio Irilli, fondatore di Ospedali Dipinti, nella realizzazione del restauro artistico della sala d’attesa del Centro oggi trasformata in un “Bosco delle Meraviglie”, grazie alle donazioni delle aziende Swan, Dexco, Sial, Trade Art, Bizzaglia, Sanitas, Consis e Sogesi.

«Il nostro compito come medici e operatori sanitari è rispondere alle aspettative altissime con le quali le famiglie arrivano da noi – ha dichiarato Daniela Morelli, Direttrice del Centro di Neuroriabilitazione Infantile del Santa Lucia IRCCS - e  in questo arte e creatività possono rappresentare alleati preziosi per l’equipe di neuroriabilitazione composto da medici, Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva, logopedisti, psicologi e neuropsicologi. Un ambiente esteticamente accogliente e stimolante, infatti, aumenta l’adesione dei bambini alle terapie e li motiva ad impegnarsi nei compiti cognitivi, motori e comportamentali previsti dal loro piano personalizzato.».

L’artista Silvio Irilli ha spiegato: «Sono felice di portare un nuovo messaggio di accoglienza in una eccellenza italiana come la Fondazione Santa Lucia IRCCS. Per la sala d'attesa ho pensato a uno scenario con la natura, nel quale i bambini possano trovare personaggi e dettagli della storia di Roma, con un albero centrale in 3D con seduta circolare, per caratterizzare maggiormente l'opera. Ringrazio la direzione e il presidente della Fondazione Santa Lucia che insieme alle aziende hanno creduto in questo progetto artistico. Da oggi i piccoli che entreranno ne "il Bosco delle Meraviglie" all'interno del Centro di Neuroriabilitazione Infantile del Santa Lucia potranno avere a disposizione un ambiente più vicino ai loro sogni, che mi auguro possa donare loro un sorriso».

«Prendersi cura della persona non significa solo affrontare l’infermità ma anche occuparsi del malato dal punto di vista psicologo e relazione: la creazione di uno spazio dove il benessere e l’accoglienza nascono dal rispetto per la dignità umana rappresenta il miglior alleato per favorire un percorso di superamento dello stato di malattia» – dichiara il Direttore Generale della ASL Roma 2, Dott. Giorgio Casati.

Da oggi, oltre l’ingresso del reparto infantile, già decorato con paramenti che riproducono la facciata di un castello, si apre uno scenario fatto di colori, sculture 3D e pannelli illustrati con soggetti da favola. Un intervento che aiuterà gli operatori sanitari a stimolare la fantasia dei bambini e rendere la permanenza dei piccoli negli spazi dedicati alle terapie e quella dei familiari nell’area di attesa un momento di cura il più confortevole e accogliente possibile.